Sosteniamo la Rete Liguria Danza

Con questo post voglio condividere il pensiero di Alessandra Gabbi, danzatrice, coreografa,insegnante e direttrice della scuola Danza 3 insoliti movimenti. Ciò che sta accadendo agli insegnati di danza, alle scuole di danza, alle associazioni di ogni natura, dovrebbe fare riflettere circa la nostra comune condizione di evidente svantaggio. Bisognerebbe unire le forze sul serio, concretamente.

Le parole dovrebbero essere il preludio di un’azione coordinata e precisa. Per questi motivi faccio appello a tutte le realtà artistiche e didattiche nel mondo della danza affinché aderiscano a questo “movimento” che nasce spontaneo.

Dal profilo FB di Alessandra Gabbi

“Cosa ho fatto io nella vita ? Ho studiato molto, anche troppo, ho scelto di danzare e di trasmettere arte e cultura a chi ha sentito il bisogno di coltivare un sogno. Sacrifici e sudore, molte soddisfazioni e il privilegio di potermi esprimere.

Tutto ciò non è stato sufficiente per avere una dignità, un ruolo in questa società bestiale che potesse garantire, a chi ha scelto la via dell’arte, pari diritti.

Il mondo dell’arte in questo momento sta vivendo una condizione di disagio e sofferenza come molti altri settori. La differenza, però, è che noi siamo ancora additati come guitti.

Poi mi sono detta: è dalle crepe che si intravede la luce, è arrivato il momento di raccogliere le forze, convogliare la rabbia in progettualità e portare avanti una battaglia legittima, preservare la salute e salvare l’arte e, quindi, il lavoro.”

“Vorrei fare un comunicato all’universo: la danza e lo sport non si fermano. Perché chi fa parte di questo settore, completamente abbandonato a se stesso e si è posto un problema di coscienza ancor prima dell’emissione dei decreti e delle restrizioni.

Perché lo smart working lo abbiamo messo in pratica in tempi non sospetti, senza virus e pandemie, attraverso una passione indistruttibile, che è diventata un incentivo, per chi ha deciso di coltivare un sogno, anche fuori dall’orario di lezione.

Ora più che mai non abbiamo paura e vergogna, di mostrarci nei nostri salotti, struccate in vestaglia, per donare ad allievi, soci, tesserati, amici, parenti e vicini di casa, arte, e cultura, divertimento e sostegno. Le lezioni online sfidando le leggi della fisica.

Eh sì, da sempre svolgiamo un ruolo sociale e aggregativo nella comunità, un tessuto connettivo fatto di coraggiosa intraprendenza al di là del profitto.

Due paroline anche per il mondo dei vip della danza. Apprezziamo molto il vostro silenzio, continuate a tacere per sempre, però. Un sostegno avrebbe fatto la differenza, è evidente che in futuro cambieranno le mode e le priorità.

Progetto Liguria Danza

SOSTENIAMO LA RETE LIGURIA DANZA che si sta occupando di dare visibilità al settore artistico e sportivo di Genova e Liguria. L’ obiettivo è arginare i danni che potrebbero rendere molto difficoltosa la ripresa delle attività e dei progetti una volta terminata l’emergenza.”

Contatti

Chi lo desidera e crede in questo progetto può aderire attraverso il gruppo facebook “insegnanti danza Genova e Liguria” la chat WhatsApp “Liguria Danza” la pagina facebook “Genova che danza” il mio blog Algadance (www.algadance.it)”